Come avere glutei più alti e sodi

Chi non ha mai sognato di avere i glutei delle ballerine di samba…i glutei alti e sodi sono tra i principali obiettivi di tante donne, sopratutto nella stagione estiva quando il costume e gli short focalizzano l’attenzione proprio sul lato b.
Non sempre chi fa attività fisica riesce ad avere glutei alti e sodi, occorre difatti eseguire esercizi mirati e ripeterli almeno 3 volte alla settimana, aumentandone l’intensità.
Di seguito ti proponiamo alcuni semplici esercizi che ti permetteranno di ottenere buoni risultati, a patto che tu li esegua con costanza ed impegno:
– squat: immagina di avere sotto al tuo sedere una panca invisibile (per facilitarti puoi anche posizionare una panca o sedia vera), senza sederti, divarica le gambe, tieni i piedi in linea con le spalle ed abbassati sino sfiorare con il sedere la panca reale o immaginaria, mantieni sempre la schiena dritta, risali velocemente (eseguire l’esercizio almeno per 10 ripetizioni);
– sollevamento del bacino: sdraiati per terra, tieni le braccia distese lungo i fianchi, piega le gambe senza staccare i piedi da terra. A questo punto, alza il bacino sino a quando il tuo corpo non assumerà una forma triangolare, ricorda di non staccare le spalle dal pavimento. Abbassa il bacino senza sfiorare il pavimento con il sedere e ricomincia (esegui l’esercizio almeno per 10 ripetizioni, per complessive 4 volte);
– slanci posteriori: posizionati a carponi ed allunga una gamba indietro in linea con la schiena, solleva la gamba oltre la linea della schiena e ritorna nella posizione iniziale (eseguire l’esercizio per 10 ripetizioni, 2 volte per lato);
– slanci laterali sul fianco: stenditi su un fianco, piega il braccio corrispondente ed appoggia la testa. Porta l’altro braccio in avanti a terra e mantieni l’equilibrio. A questo punto, solleva la gamba verso l’alto per poi abbassarla senza però farla toccare con la gamba rimasta a terra (eseguire l’esercizio per 10 ripetizioni, 2 volte per lato).
Cosa aspetti? Non perdere altro tempo….corri ad allenarti!

Dodaj komentarz

Twój adres email nie zostanie opublikowany. Pola, których wypełnienie jest wymagane, są oznaczone symbolem *